0 articoli
€ 0,00

Sonda

Il libro utile

30
Gennaio
2015
La sai l’ultima?

La sai l’ultima?

La crisi: una barzelletta
Scritto da: Beniamino Sidoti

Un editore francese, un editore spagnolo, un editore americano e un editore italiano stanno facendo un viaggio insieme sul treno del mercato librario.

A un certo punto il treno rallenta, rallenta, ma siamo in aperta campagna e non si vede niente intorno: è chiaro che andando di questo passo si arriverà in ritardo sull’orario programmato.

L’editore americano apre il computer, si collega on line, disdice un paio di appuntamenti, sfittisce la propria agenda, e cerca di capire cosa fare in caso perdesse la coincidenza.

Il treno rallenta ancora, si lascia superare dalle macchine che corrono nella vicina strada.

L’editore francese legge un libro, prende appunti e sottovoce impreca, ma con classe innata. Ha deciso che quando arriverà gliela farà vedere a tutti, ferrovie, editori concorrenti, autori e illustratori. E cambia il programma editoriale, già che c’è.

Il treno ha ancora rallentato: va ormai a passo d’uomo e sono i passanti a sbirciare curiosi dentro il treno, e non viceversa.

L’editore spagnolo sa che quando arriva potrebbe esserci già un altro editore al posto suo: quindi scrive mille progetti (ogni tanto sbircia cosa fa il collega francese).

Solo l’editore italiano è imperturbabile: sta parlando al telefono proponendo l’ingresso in politica di qualcuno.

Il treno ormai è fermo.

L’editore italiano chiude excel, si alza, si raddrizza la piega dei pantaloni.

E tira il freno d’emergenza.

Risate.

Sipario.

 

Ps: Nella realizzazione di questa barzelletta non è stato danneggiato alcun editore né alcun treno. Le figure di editori sono puramente finzionali e ogni riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale. In particolare, ci tengo a sottolineare il fatto che molti editori italiani e stranieri hanno un atteggiamento diverso dalla barzelletta che, appunto, è una barzelletta. Ci sono tante persone che lavorano bene e responsabilmente guardando oltre. Le barzellette non parlano di loro perché non fanno ridere.


Tags: crisi, mercato


Commenti

0 commenti - accedi o registrati per commentare